Bianco

Questa è una traduzione automatica rafforzata di questo articolo.

La forma più comune di sovra la fibrillazione ventricolare è la tachicardia atriale. Tachicardia atriale consiste di battito cardiaco accelerato provenienti dagli atri (cuore ha quattro camere: due atri e due ventricoli). Si può dedurre dal nome della condizione (sopraventricolare significa soprattutto i ventricoli, atri cioè, tachicardia è veloce e la scheda è il cuore).

Normalmente, la frequenza cardiaca e il ritmo sono attentamente controllati da un sistema di gestione dell’energia. In tachicardia atriale, disturbi del battito cardiaco accelerati sono attivati ​​da inizio o la trasmissione di impulsi elettrici che provocano le contrazioni del cuore. Di solito, la frequenza cardiaca durante gli episodi di tachicardia atriale si trova tra i 150 ei 200 battiti al minuto, a volte più di 300 al minuto.

Dopo un po ‘, cuore ritorna ad un ritmo cardiaco normale (da 60 a 100 battiti al minuto). Altri nomi per il disturbo sono sinonimi: “tachicardia sopraventricolare parossistica” o “tachicardia atriale parossistica.”

In alcune situazioni, aumento della frequenza cardiaca è normale (ad esempio, durante l’esercizio, febbre, stress). Questo tachicardia, chiamato tachicardia sinusale, è una risposta normale ai fattori di stress fisico o mentale e non è considerato patologico (anormale).

Forme patologiche tachicardia atriale sono:

– La fibrillazione atriale (che è il più comune)

– Tachicardia sopraventricolare con ingresso atrioventricolare, tra cui la sindrome di

Wolff-Parkinson-White.

Una causa comune di tachicardia sopraventricolare è i circuiti elettrici sull’esistenza di cardiaca anomala, come accade in tachicardia atrioventricolare e tachicardia atriale, e questo accade spesso in individui che hanno altre malattie cardiache. Nessuno conosce la causa esatta di questo fenomeno. Alcuni esperti ritengono che per il rientro tachicardia (soprattutto per la sindrome di Wolf-Parkinson-White) è ereditato.

Altre cause:

– Overdose di farmaci

– Altre patologie come la malattia polmonare ostruttiva cronica, insufficienza cardiaca, polmonite o disturbi metabolici.

Alcuni fattori di rischio legati a scelte di vita innescando un episodio di tachicardia sopraventricolare, come nel caso di consumo di quantità eccessive di caffè, sigarette o alcool o uso di droghe come la cocaina o metanfetamine (stimolanti del sistema nervoso centrale). Il farmaco decongestionante (usato per trattare il raffreddore) può contenere sostanze che possono indurre la tachicardia. Medici consigliano cautela per quanto riguarda l’utilizzo di prodotti farmaceutici che possono essere acquistati in farmacia senza prescrizione medica, come molti hanno nel loro contenuto di caffeina, efedrina pianta “me appeso” e altri stimolanti del cuore.

Una forma particolare di tachicardia sopraventricolare, tachicardia atriale multifocale (TAM), può essere scatenata da alcune malattie e preesistente malattia cronica ostruttiva polmonare, polmonite, insufficienza cardiaca (deterioramento della funzione cardiaca) ed embolia polmonare (una o più arterie polmonari sono otturati e quindi, il territorio servito da loro non sarà ben vascolarizzati e genererà necrosi, perdendo la sua funzione).

Poiché è stato ipotizzato che la sindrome di Wolff-Parkinson-White può essere ereditata geneticamente, i medici raccomandano quelli che hanno parenti stretti che soffrono di questa condizione di consultare uno specialista per determinare se vi è la possibilità di sviluppare ulteriormente questo disturbo del ritmo.

Poiché decidere il tipo di trattamento della tachicardia dipende dal paziente sofferente è molto importante stabilire una diagnosi esatta. A volte la diagnosi di tachicardia sopraventricolare può essere accertata solo attraverso un esame medico di routine, in combinato disposto con l’istituzione di storia personale e familiare della storia del paziente (l’altro paziente aveva una malattia e dei suoi parenti stretti) e facendo alcuni semplici test.

atriale, bianco, il cuore, la malattia, parkinson, polmonare, sopraventricolare, tachicardia, tasso